Progetto senza titolo (4).png

Mozzarella

di bufala campana dop

La Mozzarella di Bufala Campana DOP è un formaggio fresco a pasta filata, prodotto in un areale ben definito delle regioni Campania, Lazio, Puglia e Molise.

Dal 1996 è registrato nell’elenco comunitario delle denominazioni di origine protetta (DOP) e le modalità di produzione sono sancite nel disciplinare.

 

 

La mozzarella è uno dei prodotti italiani più esportati

e costituisce, assieme al Grana Padano

ed al Parmigiano Reggiano, il formaggio più apprezzato all’estero.

La Mozzarella di Bufala Campana viene tradizionalmente

prodotta aggiungendo al latte crudo di bufala il siero naturale.

 La cagliata viene inizialmente messa in acqua bollente e lavorata a mano, dopodiché viene spostata in acqua fredda al fine di provocarne un primo indurimento e infine viene immersa in una soluzione di acqua e sale.

La composizione di questi starters naturali è complessa, variabile e può essere influenzata da diversi fattori come le tecniche di lavorazione e le condizioni ambientali: infatti anche l’ubicazione del caseificio può andare a modificare il microbiota del siero.

La mozzarella presenta elevate quantità di calcio e di fosforo,

inoltre essa è anche ricca di vitamine, come ad esempio le

vitamine del complesso B (B1, B2, B6 e la niacina).

In essa sono anche contenuti altri elementi benefici,

come la vitamina E e lo zinco. Per quanto riguardo l’apporto

energetico, a differenza di altri formaggi, la mozzarella

contiene una quantità inferiore di kcal per 100 g di prodotto

(Parmigiano 431 kcal, Pecorino 393 kcal, Asiago 392 kcal,

Grana 381 kcal, Mozzarella 285 kcal).

 

Per quanto riguarda la mozzarella, sicuramente la mozzarella di bufala campana DOP è un prodotto unico nel suo genere, apprezzato in tutto il mondo.

La sua composizione chimica e le sue proprietà funzionali rendono il latte di bufala ideale per la creazione di numerosi prodotti come burro, yogurt e formaggi, ed in particolar modo la mozzarella di bufala.

mozzarella-di-bufala.jpg
1.jpg